Punto da un’ape, Lorenzo muore a 28 anni dopo 2 giorni di agonia

Muore due giorni dopo essere stato punto da un’ape. Lorenzo Di Grigoli, 28 anni, era in auto con la sua fidanzata nella giornata di giovedì 12 giugno; quando è stato punto da un’ape e pochi secondi dopo è andato in choc anafilattico.

Il giovane era stato trasportato d’urgenza all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta dove era giunto in gravi condizioni. Dopo essere stato punto dall’ape entrata dal finestrino aperto; la fidanzata ha cercato di aiutarlo ma appena si è accorta che il giovane faticava a respirare ha chiamato subito i soccorsi.

La giovane ha raccontato che, appena punto, Lorenzo ha avvertito subito un forte dolore accompagnato da problemi respiratori.

Il medico di guardia ha contattato il 118 che ha inviato sul posto un elicottero da Caltanissetta con personale medico.

Il ventottenne, che era in arresto cardiorespiratorio; è stato ventilato, massaggiato, intubato e trasportato all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta; dove è stato ricoverato in codice rosso. Ma Lorenzo non ce l’ha fatta e dopo due giorni i medici hanno dovuto constatarne il decesso. Sconforto e tristezza a Cammarata; comune italiano di poco più di seimila anime del libero consorzio comunale di Agrigento, in Sicilia; dove il giovane abitava insieme alla famiglia.,

“Cammarata piange per la tragica perdita di Lorenzo: ragazzo brillante, pieno di vita ed amico di tutti. – si legge nel post del sindaco Vincenzo Giambrone – La città si stringe al dolore dei genitori e familiari tutti”. “Ciao dolce Lorenzo – scrive un conoscente di vecchia data – che il mio abbraccio ti possa cullare come quando eri piccolo”. E ancora: “Una tragedia immensa, – commenta qualcuno – un dolore che colpisce l’intera comunità”. Per definizione; l’anafilassi è una reazione acuta del sistema immunitario a una determinata sostanza, cioè un allergene. Lo shock anafilattico è la reazione allergica più grave. L’organismo umano reagisce al veleno di insetti analogamente a qualsiasi altra reazione allergica; ma in forma particolarmente grave.

Una differenza sostanziale rispetto alle normali reazioni allergiche consiste nel rilascio di grandi quantità di istamina; un mediatore che; tra le altre cose, provoca una dilatazione dei vasi sanguigni. La vasodilatazione causa un calo pressorio improvviso. Il cuore cerca di mantenere la pressione battendo sempre più velocemente. La drastica riduzione della pressione arteriosa in caso di anafilassi può provocare un collasso che, nei casi più gravi; può avere esito letale.

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*