Arrestato influencer famoso tra i giovanissimi: sul cellulare video di abusi sui bambini

Arrestato influencer famoso tra i giovanissimi: Utilizzava falsi account per partecipare “ad una rete internazionale dedita allo scambio di materiale pedopornografico, tra cui video di violenze raccapriccianti su neonati”. Per questo motivo un 55enne residente nella provincia di Salerno è stato arrestato con l’accusa di divulgazione e detenzione di materiale pedopornografico.

Le indagini sono state condotte dalla sezione di Salerno della Polizia Postale con il coordinamento del compartimento di Napoli e del servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni.

L’indagine, diretta dalla Procura di Salerno; è frutto della cooperazione internazionale tra il Centro Nazionale per il Contrasto alla Pedopornografia Online del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma e le Polizie di Paesi esteri.

L’uomo, definito “noto personaggio della rete internet, con migliaia di followers sui propri profili social; amato soprattutto dai giovanissimi, grazie anche a comparsate in televisione”; è ritenuto responsabile di divulgazione e detenzione di materiale pedopornografico; in quanto è stato trovato in possesso di un’ingente quantità di materiale di natura pedopornografica trovato su smartphone e computer.

Attraverso l’indagine approfondita si è arrivati alla raccolta e alla condivisione del materiale probatorio riguardante le condotte dell’indagato; che ha tenuto contatti con altri soggetti, anche stranieri.

L’uomo era attivo in una fitta rete internazionale che aveva come obiettivo lo scambio di materiale vietato; fra cui anche dei video da brividi in cui venivano effettuate delle violenze raccapriccianti nei confronti di bambini e neonati. A livello mondiale; il fenomeno della pedofilia e della pedopornografia ha dimensioni impressionanti: in Europa; ogni anno quasi 18 milioni di bambini sono vittime di abuso sessuale. Online; ogni 7 minuti una pagina web mostra immagini di bambini abusati sessualmente.

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*