Bidello percorre chilometri per lavorare e i colleghi lo stupiscono

Bidello percorre chilometri per lavorare

Bidello percorre chilometri per lavorare e i colleghi lo stupiscono. Un uomo di 60 anni bidello presso una scuola elementare, percorreva ogni giorno 1 km a piedi per recarsi  presso il luogo di lavoro, ma i suoi colleghi sono riusciti a farlo inginocchiare per la gratitudine.

Robert Reed il bidello pendolare

Negli Stati Uniti, un bidello sessantenne di nome Robert Reed prestava servizio presso la scuola Farmington Elementary di Germantown, in Tennessee, da circa quattro mesi.  Ha sempre eseguito il suo lavoro con estrema dedizione infatti in pochissimo tempo aveva conquistato con il suo modo di fare tutti gli studenti che vedeva quotidianamente durante le ore di lavoro.
L’uomo era anche conosciuto per la sua costante ricerca di lavoro, anche al di fuori delle ore scolastiche per la professione di bidello, ma nessuno però sapeva che Robert non era provvisto di nessun mezzo.

La sorpresa dei suoi colleghi

Dato che Robert non aveva nessun mezzo con cui spostarsi per recarsi a lavoro, percorreva ogni giorno 1 km a piedi per poter arrivare in perfetto orario, ma la sera dato che doveva percorrere lo stesso tragitto, non rientrava a casa prima delle otto di sera. I suoi colleghi conoscevano le difficoltà dell’uomo e spesso contribuivano dando dei passaggi fino alla fermata dell’autobus o a volte gli davano dei soldi per il pranzo, ma questo non bastava per poter dare l’adeguata serenità al bidello.
Proprio per questo un giorno questi colleghi decidono di aiutare più concretamente Robert, e grazie ad una raccolta di fondi online, sono riusciti a comprargli un camion. Quando l’uomo scopre il grande atto di generosità fatto per lui, era così scioccato che si è inginocchiato davanti a loro ringraziandoli con commozione. Queste sono storie che vorremmo sentire ogni giorno e che donano ancora fede nell’umanità, infatti Robert è stato ricompensato per il suo instancabile impegno.
Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*