Brumotti aggredito e ferito dai spacciatori, gli agenti circondati da ‘residenti’ che difendono pusher

L’inviato di Striscia la notizia ha continuato a lavorare per portare alla luce le tante situazioni borderline delle nostre città, dove lo spaccio di droga non si è mai fermato. Armato solo di telecamere indossabili e della sua bicicletta, senza il supporto della troupe, Vittorio Brumotti ha continuato a far visita agli spacciatori.

Ricevendo nella maggior parte dei casi insulti e minacce. L’ultimo episodio è avvenuto ieri a Milano, dove Vittorio Brumotti ha deciso di documentare lo spaccio di droga in via Gola, una delle storiche aree dello smercio in città. Il “fortino” di via Gola 23 è famoso per l’intensa attività di spaccio a Milano.

Si trova a pochi passi dai Navigli. Come racconta Repubblica.

Vittorio Brumotti stava realizzando il suo servizio quando alcuni giovani della zona l’hanno accerchiato e minacciato. Come se non bastasse, alcuni di loro hanno iniziato a lanciare dei sassi contro l’inviato di Striscia la notizia, rimasto lievemente ferito nell’aggressione.

Fortunatamente, qualcuno dei presenti che ha assistito alla scena ha chiamato le forze dell’ordine. Le pattuglie sono arrivate rapidamente tanto da riuscire a identificare due dei giovani coinvolti. Ne è stata dimostrazione anche l’aggressione subita dai poliziotti, che al loro arrivo sono stati accolti con insulti e minacce da una trentina di persone residenti in zona.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *