Clementina, rifiutata a 8 anni da una scuola calcio “perché femmina”

Una notizia che certamente lascia un pò di stupore, anche perché notizie così nel 2021 non se ne dovrebbero neanche sentire, ma purtroppo c’è ancora qualcuno che fa certe distinzioni che neanche si dovrebbero fare, in quanto siamo tutti uguali! Notizia che ha fatto il giro del web vedendo commenti e reazioni da parte degli utenti ovviamente contro tale scuola di calcio.

Rifiutata a 8 anni da una scuola calcio

Il problema principale e che la domanda di questa bambina non è stata accolta per un valido motivo, il motivo infatti è quello che in quella scuola ci sono solo maschi e non c’è anche la sezione femminile, quindi chi dirige ha pensato bene di non accogliere per questo motivo. Infatti come stato comunicato da un addetto e dal presidente della società il motivo sarebbe solo questo, anche perchè se ci sarebbe stata una sezione femminile sicuramente l’avrebbe accolta, ma non essendoci ha pensato bene di non mischiare ragazzi e ragazze, in quanto potrebbero venire fuori altri problemi di dimensioni più grandi, quindi hanno rifiutato tale iscrizione.

Da parte della bambina ovviamente ‘è stato un pò di sconforto e delusione in quanto si è vista negare l’iscrizione a questa scuola di calcio! La bambina con la passione per il calcio volevo iniziare il suo sogno, il suo cammino in questo mondo, sperando che questo non la fermi le auguriamo di poter trovare un’altra società dove poter iniziare il suo cammino. A tal proposito è possibile vedere il video integrale di tale notizia!

 

Secondo alcune statistiche negli ultimi 10 anni c’e stato un aumento delle iscrizioni a scuole femminili di calcio da parte delle ragazze, questo fa capire quanto anche le donne credono in questo sport e stanno anche facendo vedere che non sono da meno. C’è anche da dire che ancora per il momento non sono molte le società femminili, infatti in Italia a fronte di 2955 società di calcio nel settore dilettantistico solo meno di 100 hanno squadre femminili.

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*