Estorceva subdolamente denaro alle malate di cancro e poi abusava di loro: medico arrestato.

Raffaele Tortoriello, medico che lavorava all’ospedale napoletano Pascale, aveva subito un allontanamento forzato dall’esercizio della professione per un anno.

L’accusa che gli era rivolta consiste nella concussione: secondo le testimonianze e le ricostruzioni delle autorità, il medico operava privatamente, in clinica, pazienti con cancro al seno, lucrando sulla loro malattia. Estorceva con metodi subdoli molto denaro a numerose malate, sfruttando la disperazione della malattia.

Attualmente, Tortoriello deve sottostare agli arresti domiciliari. La sua posizione si aggrava: ora pende sul medico una ulteriore accusa. Tortoriello avrebbe tentato di inquinare le prove raccolte contro di lui, relativamente a concussione e malasanità.

La vicenda

i fatti risalgono a 12 mesi fa, quando Tortoriello è stato interdetto dall’esercizio della professione medica. Le indagini a suo carico avevano fatto emergere più episodi nei quali il medico aveva prospettato a pazienti affette da cancro al seno l’impossibilità di operarle in ospedale, intervenendo su di loro, dietro lauto compenso, in una clinica privata di Posillipo.

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*