Gabriele Defilippi positivo al coronavirus: verrà scarcerato

Gabriele Defilippi verrà scarcerato e trasferito ai domiciliari in un alloggio a Torino: il giovane è risultato positivo al coronavirus.

Due detenuti del carcere torinese delle Vallette

sono stati scarcerati perché risultati positivi al coronavirus:

tra questi anche il giovane Gabriele Defilippi,

l’assassino di Gloria Rosboch.

Gabriele Defilippi verrà scarcerato e trasferito ai domiciliari in un alloggio a Torino

Condannato a 30 anni di reclusione Defilippi sconterà i domiciliari in un appartamento di Torino.

La sua ex insegnante, Gloria, era scomparsa il 13 gennaio 2016 e venne ritrovata senza vita in un campo

poche settimane più tardi.

Gabriele, il complice Roberto Obert e a sua madre vennero arrestati e condannati dalla Cassazione lo scorso dicembre.

Coronavirus, Gabriele Defilippi scarcerato

Gabriele Defilippi è risultato positivo al coronavirus: per questo motivo, il Tribunale di Sorveglianza di Torino ha disposto la sua liberazione.

Il giovane verrà sottoposto all’isolamento e ai domiciliari in un alloggio a Torino messo a disposizione dalla madre, Caterina Abbattista.

Le sue condizioni di salute, inoltre, rimarranno monitorate.

Era stato condannato a 30 anni per l’omicidio di Gloria Rosboch insieme al complice Roberto

anch’esso condannato a 18 anni e 9 mesi.

Aveva fatto salire in macchina la sua ex insegnante e con l’inganno, una volta arrivati in un luogo isolato

l’aveva strangolata.

I due si erano disfatti del cadavere gettandolo in una vasca di scolo.

Insieme a Gabriele è stato liberato anche Hamza Belghazi,

uno dei quattro ragazzi processati per i fatti avvenuti la sera della finale di Champions League 2017 in piazza San Carlo.

Per lui erano stati disposti, in primo grado, 10 anni di reclusione.

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*