I ricercatori scoprono farmaci che prevengono le metastasi e riducono i tumori

Il farmaco è valido per quei tipi di cancro che sono più aggressivi e hanno una prognosi peggiore. L’Istituto di Oncologia dell’Ospedale di Barcellona Vall d’Hebrón ha sviluppato un nuovo farmaco che apre una luce per i pazienti che hanno un tumore con metastasi o per coloro che hanno una massa di cellule tumorali.

Circa 40 pazienti a Toronto (Canada), New York (USA) e Barcellona (Spagna), hanno iniziato il trattamento con un nuovo farmaco che impedisce alle cellule tumorali metastasi o recidive causano nel paziente ed attiva anche il sistema autoimmune per ridurre le dimensioni dei tumori.

 

Come riportato da Nature Communications e spiega HuffPo, il farmaco chiamato MSC-1 è in grado di bloccare LIF, citochine (proteine responsabile della regolazione del funzionamento delle cellule che producono più di altri tipi di cellule) che si trova in più tumori, promuove la diffusione delle cellule staminali tumorali e disattiva l’allerta del sistema immunitario.

L’MSC-1 è stato testato con successo negli animali e superato tutte le fasi precliniche. Pazienti dal Canada, dalla Spagna e dagli Stati Uniti fanno parte della prima fase della sperimentazione clinica, che cercherebbe di dimostrare l’efficacia del farmaco nell’uomo.

“Abbiamo scoperto che LIF disattiva il sistema di allarme in modo che le cellule del sistema immunitario non arrivino, come se un ladro disattivasse il sistema di allarme di una banca in modo che la polizia non arrivasse”, spiega Joan Seoane, che ha guidato lo sviluppo del farmaco. , dopo che il suo team ha dimostrato la relazione tra LIF e cancro e l’effetto del suo blocco sulle cellule staminali tumorali

“E abbiamo visto che il blocco LIF nei tumori con elevati livelli di LIF la chiamata è reattivo a, raggiungendo il tumore per distruggere le cellule T” , ha aggiunto oncologo oltre a richiedere che la droga crea una ‘memoria immunitaria’ che impedisce nuova ricaduta nel sistema.

“Ci sono ancora diversi anni prima che questo farmaco possa raggiungere tutti i pazienti perché siamo nella prima fase della sperimentazione clinica. Ora studieremo l’efficacia del farmaco e come esso possa essere combinato con gli altri “, ha affermato. Seoane ha detto che questo farmaco è vero per quei tumori con elevati livelli di LIF: cancro ai polmoni, al pancreas, alle ovaie, alla prostata e glioblastomi, di solito la prognosi peggiore e termina in metastasi.

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*