L’incredibile caso di Kaiden: il bambino che è nato senza pelle e ha superato tutte le previsioni

2 Min Read

Kaiden Jake Shattock è un bambino che è andato contro ogni previsione e ha sorpreso la comunità scientifica. Il bambino è nato prematuro lo scorso novembre nella contea di Warwickshire (Inghilterra) con una strana anomalia: non aveva lo strato superiore di pelle, solo sulla faccia. Durante la gravidanza sua madre, Jessica Kibbler, ha avuto una complicanza renale chiamata idronefrosi, quindi i medici hanno avvertito la donna e il suo partner che il bambino potrebbe non sopravvivere. “Quando le infermiere ci portarono nella stanza per presentarci Kaiden per la prima volta, era crudo, come un pezzo di carne cruda” , disse la donna in un’intervista

Kaiden Jake è nato con solo il 2% della sua pelle sul suo corpo a 30 settimane di gestazione. Quando è stato ricevuto dai medici, le infermiere di maternità hanno lasciato la stanza in cui il bambino doveva scoppiare in lacrime, secondo quanto riportato dai media locali.

“Eravamo, due nuovi genitori di 19 anni, senza esperienza nel crescere i bambini e il nostro primo figlio è nato molto debole e molto malato”, ha detto la madre del bambino. Nonostante l’oscurità della situazione, i medici hanno promesso alla coppia che avrebbero fatto tutto il possibile per far sopravvivere il bambino .

Kaiden stava combattendo contro l’herpes congenito e la sepsi. Il contatto con i suoi genitori era limitato e persino le infermiere non potevano toccarlo perché il bambino piangeva incessantemente mentre veniva trasportato.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10218022951104786&set=a.1599800154349&type=3

Un mese e mezzo dopo la nascita, la pelle del corpo di Kaiden ha cominciato a formarsi bene: i medici hanno trasferito il tessuto dallo stomaco al suo braccio e oggi il piccolo rimane con i suoi genitori nella sua casa e ha sei mesi. Gli specialisti dicono che il bambino deve essere sottoposto a un paio di operazioni, ma senza dubbio, la sua guarigione ha sorpreso tutti e ha dato una luce di speranza ai suoi primi genitori.

Share this Article
Leave a comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

adbanner