Muore di Coronavirus, infermiera gli ruba la carta di credito e fa la spesa

Si chiama  Danielle Conti, è un’infermiera di 43 anni dell’ospedale Staten Island University North di New York e ha rubato la carta di credito a un paziente appena intubato per poi spendere 60 dollari in generi alimentari e carburante: una cifra irrisoria di cui si augurava non si sarebbe mai accorto nessuno, ma così non è stato.

La donna ha prelevato la carta di credito di Anthony Catapano, un uomo di 70 anni ricoverato in ospedale dopo aver contratto il covid-19, e l’ha usata tre giorni prima che il paziente morisse: l’infermiera ha acquistato dei generi alimentari e un po’ di benzina spendendo 60 dollari che, comunque, non sono sfuggiti ai familiari che sapevano che Anthony era in un letto di ospedale tra la vita e la morte.

“Non riesco a credere che una persona possa fare qualcosa del genere a qualcuno che lotta per la vita – ha detto la figlia dell’uomo – Questa è un’infermiera che ha prestato giuramento per curare, proteggere e salvare i pazienti. È disgustoso. Non mi sarei mai aspettata nulla di simile. È un essere umano spregevole.

Come si sentirebbe se qualcuno facesse questo ai suoi genitori gravemente malati? Spero che abbia ciò che si merita e perda il suo lavoro. Ha rischiato il suo posto di lavoro per 60 dollari approfittando delle condizioni di mio padre. Sono sicuro che pensava che non sarebbe sopravvissuto e che la sua famiglia non se ne sarebbe accorta”.

Danielle Conti ora rischia di essere licenziata. “L’infermiera – si legge in un comunicato dell’azienda ospedaliera – è stata temporaneamente sospesa e rischia la risoluzione del contratto. Stiamo lavorando a stretto contatto con le autorità e l’ospedale sta conducendo le sue indagini”. La polizia indagherà anche su altri eventuali episodi simili avvenuti in passato

FONTE

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*