Muore di stenti e viene lasciata nel suo lettino per giorni: bambina di 4 anni mangiata dai topi

Muore di stenti e viene lasciata nel suo lettino per giorni: Una bambina australiana di 4 anni; affetta da disabilità intellettiva; è stata rinvenuta in stato di semi-decomposizione nel suo lettino con orribili piaghe sul suo corpo dopo essere stata lasciata morire di fame dal padre, secondo quanto riferito dalla polizia di Brisbane.

Muore di stenti e viene lasciata nel suo lettino

La sconvolgente vicenda è stata riportata dal New Zealand Herald. La vittima si chiamava Willow. Ad avvertire le autorità della morte della sua morte è stato il padre; il 43enne Mark Dunn, nella giornata di lunedì 25, affermando di aver trovato il sabato precedente; quindi due giorni prima, il cadavere di sua figlia nel lettino, ricoperto di topi.

Secondo i media australiani, Dunn avrebbe chiesto ai paramedici giunti a casa sua: “Sono nei guai, vero?”. L’uomo, accusato di omicidio, è stato rinviato a giudizio e il suo caso sarà discusso in tribunale il 20 luglio

. Ora è in carcere. Gli esami dell’autopsia determineranno le cause esatte della morte della piccola; anche se l’ipotesi più probabile al momento è che la bambina sia morti di stenti.

Stando a quanto scrivono i giornali australiani; il numero di denunce di abusi su minori stanno aumentando durante il lockdown per il Covid-19.

“Spesso l’assistenza all’infanzia o le scuole sono il posto più sicuro per i bambini, ma con le misure di contenimento i bambini lasciti a casa potrebbero aver trascorso del tempo con le persone che li stanno danneggiando”, ha detto il direttore esecutivo di Act for Kids Stephen Beckett.

Sulla vicenda è intervenuto anche il ministro della sicurezza dei bambini Di Farmer: “La morte di ogni bambino è una tragedia”; ha detto. “So che la morte di questa bambina ha avuto un profondo impatto sulla nostra comunità e le mie più sentite condoglianze vanno a coloro che conoscevano e amavano questa piccola”.

FONTE

 

 

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*