Orrore: abusi su una bimba di 10 anni, arrestati zio, mamma e nonna

Orrore: Disegnava suo zio come un orco la bimba di 10 anni vittima di ripetute violenze in famiglia. L’immagine rivelava appunto quanto avveniva nella sua casa. Si comportava proprio come un mostro, nella realtà, l’operaio di trent’anni arrestato per avere molestato la piccola nipote.

Orrore  su una bimba di 10 anni, arrestati zio, mamma e nonna

E che non si trattasse di una fantasia; come aveva cominciato a sospettare la maestra della scuola di Gragnano, ma della tragica verità erano a conoscenza anche la mamma e la nonna. Le due donne sono ai domiciliari. Arrestata una intera famiglia; per gli abusi sulla bimba di dieci anni svelati da quel disegno rivelatore fatto in classe e finito sotto lo sguardo attento della sua insegnante.

Da lì è partita un’indagine, condotta dai carabinieri di Gragnano e Castellammare, su ordine della procura di Torre Annunziata. I familiari della piccola dovranno dunque rispondere dell’accusa di avere coperto lo zio orco. In particolare lo avrebbero fatto la mamma della bimba; di 35 anni e la nonna di 60; come riportato oggi da ll Mattino. Quel disegno realizzato ad inizio marzo; pochi giorni prima che la scuola elementare di una frazione di Gragnano chiudesse per il coronavirus, aveva dato un contorno più preciso ai comportamenti strani e ai turbamenti della piccola alunna.

All’ apertura dell’inchiesta la piccola ed il suo fratellino sono stati portati in una casa famiglia.

Lontano da quei parenti che secondo quanto ipotizzato dagli inquirenti trovavano normali quegli abusi che hanno rotto per sempre l’innocenza della piccola e l’hanno fatta entrare nel mondo degli adulti dalla porta dell’inferno. Discordanti e ambigue le dichiarazioni rese agli investigatori dallo zio e dalle due donne, così da  fare scattare l’arresto per tutti e tre. Una storia dell’orrore in cui una maestra ha svolto la parte della fata buona, accanto a quell’orco che ora non può più fare del male alla bambina.

FONTE

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*