Picchia la donna conosciuta online e uccide di botte i figli durante il primo appuntamento

Si erano conosciuti su un sito di incontri.

Però nel corso del primo appuntamento una frase della donna , ha scatenato la furia omicida del 30enne che ha ucciso i suoi figli. A soli 30 anni ha già ricevuto un’accusa di duplice omicidio di minori e percosse, dopo aver brutalmente picchiato l’amante e tolto la vita ai figli della donna.
L’uomo avrebbe picchiato una donna che aveva incontrato su un sito di appuntamenti per poi togliere la vita ai bambini.

La 35enne conosciuta online, aveva detto ai suoi figli di trovarsi davanti al loro futuro patrigno.

Secondo la ricostruzione dei fatti in uno scatto d’ira Vasil Tsekh avrebbe preso una sedia rotta per attaccare i bambini indifesi.

Martina di 9 anni e Demid di 2.

I fatti sarebbero avvenuti nel complesso Oksana del paese di Tyachiv; un ristorante con sauna, e qui oltre a colpire i bimbi li avrebbe anche gettati contro un muro.

Il direttore della struttura ha chiamato la polizia dopo aver sentito il trambusto, aver aperto la porta ed essersi trovato davanti alle piccole vittime insanguinate e alla loro madre; ricoverata in gravi condizioni per le percosse subite.

Dopo aver ripreso conoscenza la donna non è stata informata della morte dei suoi figli e avrebbe detto ai medici di volersi riprendere al più presto perchè avrebbe dovuto prendersi cura di loro.

Dopo l’attacco il 30enne è fuggito ma nelle ore successive è stato localizzato e arrestato.

I bambini erano nati da due diverse relazioni: Martina è venuta al mondo quando la madre viveva e lavorava in Italia, il figlio è nato in Ucraina da un’altra storia fallita.

Il padre di Demid ha però raggiunto l’ospedale per confortare la donna gravemente ferita.

I due bambini sono stati sepolti nella sua città natale; Kamianets-Podilskyi.

I parenti della donna hanno detto che Tsekh, i cui genitori hanno espresso shock per il brutale crimine; era apparso normale e non beveva molto.

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*