Prete benedice i fedeli con la pistola ad acqua: La sua mira è eccellente

Tim Pelc, prete della chiesa di St. Ambrose a Detroit (Michigan), ha preso decisamente sul serio l’emergenza sanitaria legata al coronavirus che negli Stati Uniti; sta causando decine di migliaia di vittime; per rispettare le norme di distanziamento sociale da alcune settimane ha iniziato a benedire i fedeli utilizzando una pistola d’acqua, sparando letteralmente; acqua santa sui suoi parrocchiani: il sacerdote le attende sul sagrato indossando mascherina, guanti e occhiali e spruzza loro acqua benedetta invitandoli a non scendere dall’auto.

Il risultato è una sorta di “drive in” spirituale

“L’idea originale era di fare qualcosa per i bambini della parrocchia”, ha dichiarato il prete al sito BuzzFeed News. “Erano quasi pronti per una Pasqua diversa dalle altre. Mi sono chiesto: ‘Cos’altro è possibile fare osservando i protocolli di distanziamento sociale?”. A quel punto Pelc ha pensato di usare una pistola d’acqua per benedire i cestini pasquali dei parrocchiani poi – notando che la tecnica piaceva – l’ha estesa ai suoi fedeli.

Larry Peplin, uno di loro, ha scattato alcune fotografie che ritraggono il prete mentre impugna la pistola d’acqua per benedire i fedeli. Le immagini; postate sulla pagina Facebook della parrocchia di St. Ambrose, sono subito diventate virali sul web e il sacerdote è stato trasformato in un meme. “Le persone volevano vedere un aspetto positivo di ciò che sta accadendo nel mondo.

Così è stato. Penso che si siano rese conto che il parroco ci tiene così tanto ai propri parrocchiani da voler mantenere vive le tradizioni, ma muovendosi dentro le linee guida per la sicurezza dei Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie”. Secondo i dati della Johns Hopkins University sono almeno 1.467.884 le persone contagiate dal coronavirus negli Stati Uniti e almeno 88.754 quelle decedute a causa del virus. Il Michigan è il quarto stato per numero di vittime, ma i ricoveri stanno diminuendo

FONTE

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*