“Smettila di piangere, basta”. Neonata arriva in ospedale con morsi sulla pelle e le costole rotte

“Smettila di piangere, basta”. Neonata arriva in ospedale con morsi sulla pelle e le costole rotte

“Smettila di piangere, basta”. Neonata arriva in ospedale con morsi sulla pelle e le costole rotte
In ospedale con le costole rotte e segni sul corpo a poche settimane di vita.

È ciò che è successo a una neonata, visitata all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina, dopo la richiesta d’aiuto della mamma.

La procura di Latina ha aperto un’inchiesta per fare luce sull’accaduto e chiarire se la bimba sia stata vittima di violenza.

Nel frattempo, in attesa dei tempi necessari per svolgere gli accertamenti, è stata tolta in via precauzionale ai genitori e affidata ad un centro protetto per minori, per tutelare la sua incolumità.

Secondo le informazioni apprese la madre della bimba l’ha portata al pronto soccorso del nosocomio pontino perché non riusciva a farla smettere di piangere.

“Non so cosa le succede, si lamenta ininterrottamente e non so cosa fare” sono le parole della donna riportate da La Repubblica. La neomamma con in braccio la sua piccola si è rivolta disperata ai sanitari, chiedendo aiuto.

Così sono partiti gli esami, dai quali è emerso che la bimba aveva una costola rotta mentre un’altra, rotta anch’essa qualche settimana prima, si era nuovamente saldata.

Inoltre la piccola presentava contusioni in varie parti del corpo e un morso su una coscia.

Un quadro preoccupante che ha allertato i sanitari, i quali hanno immediatamente contattato forze dell’ordine e servizi sociali. Ora sul caso indaga la Questura di Latina, coordinata dalla Procura.

Gli inquirenti stanno cercando di ricostruire l’accaduto, indagando sul nucleo familiare e sulle persone vicine alla coppia. Chi indaga sta ascoltando alcune persone e raccogliendo dettagli sulla vicenda, rispetto alla quale gli investigatori mantengono massimo riserbo.
Fonte: Fanpage.it

 

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*