“Spesso dimenticata”. Paolo Bonolis, il commento sulla figlia malata di cuore. È raro che ne parli

Paolo Bonolis e la figlia Silvia. Le parole del conduttore commuovono. Paolo Bonolis è stato di recente ospite in collegamento video con la trasmissione Stasera Italia – Speciale su Rete 4. Durante il suo intervento, Paolo Bonolis ha parlato del momento assurdo che stiamo vivendo (ormai da troppo tempo) e ha menzionato il film Contagion con Jude Law: “Contagion, un film con diversi attori importanti, adesso non sembra un film di fantascienza ma un’eventualità della nostra esistenza.

Le circostanze negative o positive compaiano a casaccio. Tutto questo è capitato improvvisamente, è diventato un problema sanitario, economico, sociale e politica” ha detto Bonolis. Ma il conduttore non è certo uno che si piange addosso, anzi, guarda avanti con coraggio e non pensa minimamente a capitolare. Le cose vanno affrontate di petto e non si può sfuggire: con pazienza e determinazione, ce la faremo. Bonolis la pensa così. 

“È anche vero che la situazione va affrontata, abbiamo sollevato il tappeto e visto quanta polvere c’era sotto” ha spiegato Paolo Bonolis durante il suo intervento. Poi la stoccata: “Ci saranno sempre gli imbecilli nel mondo che continueranno creeranno il problema nel mondo. Bisogna pulire e ricominciare a vivere. Impossibile aspettare il pericolo zero, una situazione priva di pericoli perché comunque se ne creerebbero altri come andare in macchina e in moto, eppure nessuno smette”.

E aggiunge: “Così come il Governo deve fare delle scelte dobbiamo farle anche noi. Dobbiamo tornare a vivere” ha detto Paolo Bonolis che è convinto che serva un po’ di coraggio per ricominciare. Durante l’intervista si parla anche delle persone che sono più a rischio: le fasce deboli, chi ha bisogno di sostegno. Ed è a quel punto che Paolo Bonolis parla di sua figlia Silvia

La figlia di Bonolis e Sonia Bruganelli soffre di un problema al cuore ed è considerata appartenente alle fasce deboli: “Sono orgogliosamente padre di una medaglia d’oro nei 10 metri piani assistiti e nel lancio della palla. È un mondo che conosco bene, un mondo che richiede grandi contributi. Uno Stato sociale dovrebbe distribuire le risorse con cure, questa è una frangia debole, spesso dimenticata”.

FONTE

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*