Spreme la ferita ma oltre al pus esce anche una sorpresa: il post della mamma

Nella Contea di Orange, in California, una donna, Rachel Franklin, si è accorta che suo figlio di sette anni Paul, aveva qualcosa che non andava al ginocchio, in quanto quest’ultimo si era gonfiato in maniera smisurata prendendo pure le dimensioni di un’arancia.

Spreme la ferita ma oltre al pus esce anche una sorpresa

Il bambino in questione era già stato visitato da un medico, data la situazione, ma senza effettuare un incisione per far fuoriuscire il pus all’interno, gli sono stati prescritti solo degli antibiotici utili a sconfiggere le classiche infezioni da stafilococco. Ma nonostante la cura, la condizione del ginocchio di Paul, non riscontrava nessun tipo di miglioramento e proprio per questo motivo la madre Rachel, ha ben pensato di “spremere” la ferita presente sul ginocchio del figlio proprio per capire cosa si nascondesse all’interno, date le enormi dimensioni.

Ma la scoperta che ha fatto è stata a dir poco scioccante; mentre premeva è fuoriuscita qualcosa da farla rimanere inorridita. Inizialmente pensava fosse una roccia, ma subito dopo si è resa conto che all’interno del ginocchio del figlio, viveva da giorni una lumachina di mare, balzata immediatamente fuori con la pressione che ha effettuato la donna.

La reazione della madre

Mentre la madre era esterrefatta per aver fatto questa bizzarra e scioccante scoperta, al contrario suo figlio di sette anni sembrava entusiasta per l’accaduto ritenendolo addirittura “figo”.

Ovviamente dopo aver liberato il ginocchio dal corpo estraneo, pure la produzione di pus si è bloccata, e il piccolo Paul ha pian piano ripreso la sua vita di sempre. I medici hanno commentato quest’insolita vicenda, dichiarando che non è un episodio che accade spesso, ma alcuni studiosi dopo aver esaminato il caso, hanno confermato che le lumache di mare quando vengono a contatto con l’aria, per evitare il soffocamento e l’essicazione, sono in grado di chiudere ermeticamente col loro stesso muco la loro conchiglia, così facendo questa manovra ha consentito al mollusco di sopravvivere all’interno dell’organismo umano.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *