Tag: abuso

Abusata dal patrigno: la madre assisteva e segnava i giorni degli stupri sul calendario

Abusata dal compagno della madre con il beneplacito di quest’ultima: poi, abusata anche dal padre, al quale aveva chiesto aiuto. È la drammatica storia emersa durante il processo per violenza sessuale a 3 persone, conclusosi con 3 condanne: la vittima, che ora è ventenne, è 

Orrore: abusi su una bimba di 10 anni, arrestati zio, mamma e nonna

Orrore: Disegnava suo zio come un orco la bimba di 10 anni vittima di ripetute violenze in famiglia. L’immagine rivelava appunto quanto avveniva nella sua casa. Si comportava proprio come un mostro, nella realtà, l’operaio di trent’anni arrestato per avere molestato la piccola nipote. Orrore  

Interrompono la gravidanza dell’adolescente vittima di abusi e il bambino è nato vivo

A 14-year-old è stata presentata la scorsa settimana per un risoluzione di diritto del Gravidanza (ILE) a 26 settimane di gestazione (quasi sette mesi), presso l’ospedale Dr. Percy Boland delle donne e il suo caso ha scosso a Santa Cruz, in Bolivia, perché il bambino è nato vivo.

Secondo quanto riferito dal locale El Deber , il caso è stato considerato delicato e senza precedenti fin dall’inizio, dato che non è usuale per il personale medico sottoporre un adolescente a questo tipo di procedura in uno stato così avanzato di gravidanza.

Dati i dubbi sullo stato dell’adolescente, che è andato con i suoi parenti all’ospedale per la prima volta quando aveva 23 settimane, i medici hanno detto dopo la valutazione iniziale che si è concluso in quell’occasione che “lo sviluppo della gravidanza era quello giusto” , anche se i parenti hanno riferito che tutto era stato il risultato di uno stupro.

Il minore tornato in ospedale in compagnia dei responsabili, questa volta con la documentazione di richiesta che è stata interrotta la gravidanza, ma in un atto con nessun record precedenti tutti i ginecologi rifiutato di aderire alla richiesta, come avevano “obiezione di coscienza”. Dato il rifiuto dei medici, l’ILE fu posticipato per tre o quattro giorni.

“La prima volta nella mia vita che vedo succedere questo. I ginecologi venivano a turno singolarmente con le loro lettere da rifiutare. C’è stato un cambio di turno e di nuovo sono arrivate altre lettere “, ha detto Federico Urquizo, direttore medico della maternità, citato da El Deber.

A questo proposito, ha aggiunto che “abbiamo dovuto continuare a leggere la legge, ci hanno detto che ‘non ci può essere direttore obiezione di coscienza della struttura sanitaria’ ‘e per questo motivo ha dovuto firmare lui e il capo di emergenza.

Secondo Urquizo, c’è stato un fattore che ha ulteriormente aggravato il caso ed è stato che la ragazza ha cercato di togliersi la vita, quindi ha dovuto essere ricoverata in ospedale e valutata di nuovo fisicamente e mentalmente. Le sono stati diagnosticati problemi di depressione.

Il bambino è sopravvissuto all'aborto.

Ecco come è stato realizzato l’ILE

Una volta che la procedura è stata approvata, lo staff medico ha provveduto ad avvisare la famiglia dei rischi di praticare l’ILE nella situazione della ragazza e l’interruzione è stata avviata mediante la fornitura di due compresse somministrate per via orale e due compresse intrauterine per espellere il farmaco. feto.

 

Quando è arrivato il momento, il temuto avvertimento è stato confermato da uno dei pediatri dello stabilimento, che nei giorni scorsi durante gli incontri medici e legali sul caso ha indicato che “anche se la gravidanza è interrotta, il bambino va a nato vivo, vivrà. È già una gravidanza avanzata. “

La storia della giovane donna

Le dichiarazioni dei parenti indicano che il bambino era stato abusato dal proprietario di un ristorante in cui lavorava a tempo parziale e che la gravidanza fu scoperta quando i suoi guardiani notarono un comportamento insolito nella ragazza, che dormiva molto e non voleva andare a la scuola

 

Nel momento in cui il sospetto è stato confermato, erano già in esecuzione 20 settimane di gestazione che non erano evidenti a causa della carnagione sottile dell’adolescente. “Mamma, non lo voglio. Come mi prenderò cura di lui? “, Ha detto una volta che ha scoperto le sue condizioni.

“Mia sorella non vuole sapere del bambino. Lei non lo vuole, non può prendersene cura. Anche noi come famiglia (…) non ha nemmeno capito di essere incinta “, ha detto la sorella della ragazza, il che giustificava che il bambino non avesse parlato dell’abuso e della gravidanza per paura.

Il bambino è nato vivo
“Poiché c’era un supporto legale, l’interruzione è stata fatta, ma il bambino è nato vivo ed è ricoverato in ospedale”, ha detto Urquizo, che ha anche chiarito che per questi casi non è possibile praticare un intervento chirurgico, ma vengono forniti farmaci, che in altre circostanze non presentano difficoltà perché in un momento di gestazione prima la creatura non supporta il processo

 

Il neonato pesava solo un chilo e cento grammi e ha una settimana di vita. È delicata, è in terapia intensiva, con un respiratore e rimane sotto osservazione. Una volta che è venuto al mondo con il cuore che batte, il pediatra ha seguito il protocollo per salvarla.

Attualmente ricopre l’aspettativa di vita e nei giardini dell’ospedale perché stanno facendo tutto va avanti come funzionari della Municipale Difensore dei bambini e dei giudici determineranno il destino di piccole dimensioni.