Tag: cronaca

Bambina di 1 anno salvata dopo essere finita 1,5 km al largo nel suo salvagente rosa

In estate il luogo più frequentanto da tutti, comprese le famiglie con bambini è sicuramente il mare. E proprio ai bambini, attirati dalle azzurre acque nelle calde giornate d’estate, bisogna prestare sempre la massima attenzione. Ciò non è successo ad una bambina di appena un 

Un paese sotto choc per la morte di Emanuele

Un paese sotto choc : Cotignola e la frazione di San Severo, dove viveva Emanuele Piancastelli, il 61 enne che ha perso la vita sabato in un incidente di canoa sul fiume Mincio, sono sotto shock per la sua scomparsa. La piccola imbarcazione si sarebbe 

Non litigare con lui quando sei sola”: la madre di Benno temeva per l’altra figlia

“Non litigare mai con lui quando sei da sola”.

Laura Perselli aveva paura di suo figlio e più volte aveva messo in guardia sua figlia Madè dall’irritare il fratello quando erano soli, dal provocarlo. È quanto riporta un’amica della famiglia Neumair intervistata in forma anonima da Quarto Grado. “La madre lo diceva sempre alla sorella: non litigare con lui quando sei sola. Perché Benno poteva alzare la voce e dare in escandescenza, lo capivi dal modo in cui ti guardava” spiega.

I dubbi di Madè

Anche Madé temeva suo fratello, secondo la testimone: “Benno le aveva detto che non c’era da preoccuparsi (della loro scomparsa, ndr) che i genitori potevano aver avuto un incidente durante la passeggiata, che sarebbero rientrati, che magari stavano in albergo, ma lei aveva un sospetto e ha avuto paura da subito”. Quando si è diffusa la notizia della scomparsa di Peter Neumair e Laura Perselli, Madè Neumair era a Monaco. Al suo ritorno, ha rifiutato di alloggiare con Benno nella casa di famiglia a Bolzano (non ancora sequestrata) e ha preferito andare a stare altrove.

Benno e gli ‘spiriti maligni’

Sulla personalità di Benno Neumair, in carcere per il duplice omicidio dei genitori, la scorsa settimana il rivista sudtirolese, ‘FF’ ha riportato alcune testimonianze inquietanti. Secondo il giornale, Benno avrebbe preoccupato la famiglia sin da bambino:

In qualche modo si sospettava che in questo ragazzo ci fossero spiriti cattivi. Quando aveva otto anni in vacanza a Bali, all’improvviso nella notte si fermò con un coltello davanti alla sorella. Fortunatamente non accadde nulla e pensarono si trattasse di un episodio di sonnambulismo. Pare però che i familiari abbiamo portato Benno da uno stregone per farlo benedire. Una cosa innocua e divertente, senza particolari preoccupazioni. Oggi, dopo i fatti, questo episodio emerge in una luce più inquietante.

Eppure quello che è recluso in carcere a Bolzano, sembra un uomo molto diverso da quello che appare nelle foto e nei video che i media riportano in questi giorni. Magro, stempiato, lo sguardo freddo, Benno è lontano anni luce dal robusto atleta dal corpo modellato e dall’abbronzatura dorata. Anche le sua condizioni psicologiche sarebbero peggiorate nell’ultimo periodo, tanto che i genitori avevano accettato di farlo tornare a vivere da loro: “Dobbiamo trattarlo con i guanti”, aveva detto la madre, Laura.

L’inchiesta

Sabato pomeriggio la notizia del ritrovamento del corpo della donna scomparsa a Bolzano insieme al compagno, nelle acque dell’Adige. Mentre si attende l’autopsia per conoscere la causa della morte, in cella, Benno ha accolto la notizia piangendo: “Mia mamma non c’è più”.

FONTE

Michele, suicida per bullismo a 17 anni: una lettera poteva salvarlo

Michele Ruffino è morto di bullismo. Si è tolto la vita a 17 anni lanciandosi nel vuoto dal ponte di Alpignano. A due anni dalla morte del giovane Youtuber, la famiglia chiede che si faccia chiarezza sulle responsabilità avute da coloro che si sono resi 

Uccide la moglie al banchetto di nozze: si era ingelosito di un invitato

Un uomo uccide la propria moglie durante il banchetto di nozze in quanto si era ingelosito di uno degli ospiti: è accaduto in Siberia. Dramma nel villaggio siberiano Prokudskoye, dove un uomo ha ucciso la propria moglie al banchetto di nozze poiché si era ingelosito di un invitato. 

Studentessa 23enne muore schiacciata tra la sua auto e la macchinetta mentre paga il parcheggio

Studentessa 23enne muore schiacciata tra la sua auto e la macchinetta mentre paga il parcheggio

Tragedia in Ohio, dove una studentessa di 23 anni, Victoria Strauss, originaria della Florida

è morta in un incidente che ha dell’incredibile. Come riporta la stampa locale, la giovane è rimasta schiacciata tra la sua auto e la macchinetta per il pagamento del parcheggio mentre tentava di recuperare la carta di credito che le era nel frattempo scivolata a terra. È successo martedì sera a Columbus intorno alle 23.30.

Studentessa alla Ohio State University, Victoria era a bordo della sua macchina quando ha tirato fuori la carta per pagare il parcheggio orario

del garage, ma le è scivolata dalle mani, così invece di scendere dal veicolo per riprenderla, ha deciso di aprire lo sportello e di chinarsi.

In quel momento, ha accidentalmente spinto il piede sull’acceleratore della vettura, che si è spostata in avanti, intrappolando la testa tra la portiera ed il casello di uscita del garage.

Sono seguiti attimi concitati, che sono stati ripresi dalle telecamere di sorveglianza della zona

le cui immagini sono state anche visionate dalla polizia. Sono stati proprio gli inquirenti a confermare questa versione dei fatti con una nota:

“La vittima ha tentato di recuperare la sua carta di redito aprendo la porta e sporgendosi per raccoglierla

– si legge nel documento – ma inavvertitamente ha accelerato e si è scontrata con la macchinetta del parcheggio”.

Gli agenti sono arrivati nel garage, situato al 45 di Vine Street, intorno alle 5:40 del mattino, quindi qualche ora dopo che si era verificato l’incidente

e i paramedici hanno dichiarato la giovane deceduta sul posto. L’Unità investigativa sugli incidenti del dipartimento di Polizia di Columbus sta conducendo un’indagine per cercare di ricostruire l’esatta dinamica di quanto successo.

fonte

Pavia, bimbo travolto dal cancello: stesso destino della sorella

Pavia, bimbo travolto dal cancello: stesso destino della sorella: Un bimbo di 6 anni è stato travolto ed ucciso da un cancello. E’ accaduto a Pavia. La stessa sorte era toccata alla sorellina due anni or sono. Il tragico incidente è accaduto a Villaggio San 

Autista bus massacrato di botte sino ad ucciderlo: aveva vietato 4 uomini a salire sul mezzo perchè senza mascherine

Un’aggressione di inaudita violenza  si è compiuta giorni fa in Francia a Bayonne nei confronti di un autista di un bus.  L’uomo aveva vietato a 4 individui di salire sul mezzo in quanto non avevano le mascherine di protezione. I 4, di cui due pregiudicati, per tutta 

Nunzia freddata senza pietà: ennesimo femminicidio

Nunzia freddata senza pietà: in commissariato il marito, presunto autore del femminicidio

Il marito, un uomo di 44 anni, Angelo Di Meo

disoccupato, è stato fermato e condotto nel commissariato di polizia.

Il presunto autore del femminicidio si era inizialmente rifugiato a casa del padre.

Nunzia freddata senza pietà: in commissariato il marito, presunto autore del femminicidio

Cerignola sotto choc per la morte della 41enne, Nunzia Compierchio freddata nella sua abitazione di via Fabriano, non lontano dal campo sportivo.

La notizia riportata su altre testate

Stando a quanto diffuso dal gr Rai è stato fermato il 44enne marito della donna di 41 anni uccisa a Cerignola.

Secondo l’accusa le ga sparato due colpi di arma da fuoco davanti alla porta di casa.

Una donna, Nunzia Compierchio di 41 anni è stata uccisa poco fa

all’interno di un appartamento che si trova in via Fabriano a Cerignola.

Sul posto si sta recando la polizia: le indagini si starebbero concentrando sulla figura del marito.

Poi il 44enne si è rifugiato a casa del padre dove

è stato trovato dagli uomini del commissariato.

Una donna di 41 anni

Nunzia Compierchio  è stata uccisa all’interno di un appartamento che si trova in via Fabriano a Cerignola

A cadere sotto colpi d’arma da fuoco

Nunzia Compierchio, 41enne di Cerignola

raggiunta dal suo aguzzino nell’abitazione di via Fabriano a Cerignola.

Al momento dell’omicidio in casa c’erano   solo i due figli più piccoli.

È stato fermato Angelo Di Meo l’uomo di 44 anni; accusato di aver ucciso con alcuni colpi di arma da fuoco nel primo pomeriggio di domenica

la moglie Nunzia Compierchio, di 41 anni di Cerignola (Foggia).

Ad impugnare l’arma, una pistola modificata calibro 3.80;

per gli inquirenti, sarebbe stato l’ex marito;   44enne Angelo Di Meo

già noto alle forze di polizia fermato poco dopo dagli uomini del commissariato di Cerignola (FoggiaToday)

Tragedia a Pontedera. 18enne si uccide, lanciandosi sotto al treno: era incinta di 3 mesi

Tragedia a Pontedera: Ha suscitato profondo dolore e sconforto a Pontedera (e non solo), il dramma avvenuto ieri pomeriggio alla stazione del comune toscano, dove una giovane straniera di 18 anni; incinta di tre mesi; si è suicidata gettandosi sotto un treno. Un impatto devastante