Tag: muore

Amelia muore a 11 anni: travolta dalla ruota di un suv mentre aspetta lo scuolabus

Amelia muore a 11 anni: travolta dalla ruota di un suv mentre aspetta lo scuolabus Una morte “tragica, inutile e del tutto prevenibile”. Così il medico legale ha descritto il drammatico incidente che ha visto vittima Amelia Wood, 11 anni, di Cleethorpes, Lincolnshire (Regno Unito). 

La madre uccisa dal coronavirus, la figlia di 32 anni ha un infarto durante il suo funerale e muore

La madre uccisa dal coronavirus, la figlia di 32 anni ha un infarto durante il suo funerale e muore La madre muore di coronavirus e la figlia ha un infarto durante il funerale. Laura Richards si è sentita male al funerale della madre, Julie, uccisa dal 

Picchia violentemente la figlia di 5 anni: la piccola muore per le gravi ferite riportate •

Picchia violentemente la figlia di 5 anni: la piccola muore per le gravi ferite riportate •

L’episodio drammatico ha avuto luogo nel Libano, stato asiatico confinante con Israele. Un uomo ha picchiato a morte sua figlia di soli 5 anni.

Picchia violentemente la figlia di 5 anni: la piccola muore per le gravi ferite riportate

La piccola è stata trasportata d’urgenza all’ospedale di Tripoli dove è morta poco dopo a causa delle gravissime ferite riportate.

Come riportato da “Tgcom24”, i media locali avrebbe comunicato che il caso non sarebbe isolato.

Infatti, a causa delle restrizioni dovute al Coronavirus, tantissimi sono gli episodi di violenza domestica che si stanno verificando negli ultimi giorni.

Numerosi, infatti, sono i casi di violenze registrati ai danni di mogli, figli, sorelle ma anche ai danni di badanti e lavoratrici immigrate.

fonte

Incendio distrugge la loro casa: morti mamma e i suoi 6 figli

Incendio distrugge una casa: morti mamma e figli Le fiamme si sono sviluppate nella notte tra venerdì e sabato. Ad essere coinvolta, un’abitazione della cittadina del Mississipi. Una donna e i suoi sei figli sono rimasti uccisi, salvo invece il marito. Mamma e figli morti 

Dose sbagliata di paracetamolo: Muore bimba di 3 anni. “Fate attenzione”

Dose sbagliata di paracetamolo: Muore bimba di 3 anni. “Fate attenzione” Una dose sbagliata di paracetamolo. Sarebbe stata questa la causa della morte di Lily Gibson, la bambina inglese di 3 anni che si è sentita male presso il famoso Bodrum Holiday Resort, a Mugla, 

Tamponata in bici dalla vicina di casa, morta 18enne a Bari

Tamponata in bici dalla vicina di casa, morta 18enne a Bari

Non ce l’ha fatta Giorgia Soriano, la ragazza di 18 anni tamponata a Bari dalla vicina di casa mentre era in bicicletta. Per l’adolescente è stata dichiarata la morte cerebrale dopo che era caduta a terra battendo la testa. A urtare la sua bici era stata una vicina di casa di 29 anni.

Tamponata in bici dalla vicina di casa, morta 18enne a Bari

L’incidenteSecondo quanto ricostruito dagli agenti della Polizia locale di Bari, l’8 agosto la bici e l’auto transitavano nella stessa direzione in via Speranza, strada che collega internamente Santo Spirito a Palese. Per cause da accertare, l’auto ha tamponato il mezzo a due ruote. Sul posto è intervenuta un’ambulanza del 118 che ha soccorso la giovane apparsa da subito in condizioni critiche.

Trasferita subito in ospedale, la ragazza è stata sottoposta a un delicato intervento chirurgico alla testa,

ma nella giornata di sabato 10 agosto la situazione è precipitata.

Quando è stata dichiarata la morte cerebrale, i genitori hanno acconsentito alla donazione degli organi.

L’appello di una mamma al sindaco Decaro

“Salve Sindaco, – si legge in un post su Facebook indirizzato al primo cittadino di Bari Antonio Decaro dopo la notizia della morte della 18enne, –

la giovane vita di una ragazza in bicicletta è stata appena falciata dalla velocità e l’utilizzo alla guida del cellulare da parte di un’automobilista. E’ accaduto in via Francesco Speranza tra Palese e Santo Spirito”.

Per poi arrivare all’appello: “Da residente e mamma di un ragazzo che ogni giorno percorre in bici quel tratto di strada, le chiedo di provvedere con bande rumorose o dossi che facciano rallentare le auto, abituate a sfrecciare”.

Il messaggio di Decaro: “Ho perso il conto dei morti”

Sempre su Facebook è arrivato il messaggio del sindaco Decaro, sollecitato anche da una mamma, dopo la morte della 18enne. “Aveva la stessa età e lo stesso nome di mia figlia, – scrive il primo cittadino di Bari. Una giovane vita spezzata sulla strada, un altro incidente mortale nella nostra città. E ho perso il conto dei morti per incidenti dell’ultimo anno. Come se ci fosse una guerra civile”.

“La distrazione, l’uso del cellulare, l’alta velocità, sempre più spesso sono queste le cause, gli assassini – continua. – Quanti di noi rispondono ai messaggi sul cellulare mentre guidano pensando ‘cosa potrà mai succedere?’ Quanti di noi schiacciano il piede sul pedale dell’acceleratore per arrivare prima a destinazione, pensando ‘cosa potrà mai succedere?’. Ecco, questo è quello che succede, le persone muoiono“.

“Possiamo continuare a rendere le strade più sicure, con le rotatorie, le piste ciclabili, allargando marciapiedi o montando i segnali luminosi di rallentamento come sulla strada dove è morta Giorgia – è la conclusione. – Possiamo continuare a punire chi non rispetta le regole del codice della strada, come fa ogni giorno la polizia locale con il telelaser per rilevare la velocità o l’utilizzo improprio del cellulare. Ma ognuno di noi può scegliere che tipo di autista vuole essere, se usare l’auto per spostarsi o per rischiare di ammazzare qualcuno”.

“Da oggi – è la notizia – tutte le auto della polizia locale avranno i lampeggianti accesi per aumentare il presidio di sicurezza. Quando vediamo quei lampeggianti o ci lamentiamo di una sanzione, ricordiamoci di Giorgia, una ragazza che non c’è più e ricordiamoci che la nostra vita e quella degli altri può dipendere dalle nostre scelte. Scegliamo di essere sempre autisti attenti”.

 

 

Lavatrice: Si infila nella lavatrice mentre gioca con il fratellino. Bimbo di 3 anni muore soffocato

Lavatrice: Si infila nella lavatrice mentre gioca con il fratellino. Bimbo di 3 anni muore soffocato Dramma lo scorso weekend nella città di Orlando, in Florida. Stando a quanto riportato dai media statunitensi, un bambino è morto intrappolato in una lavatrice. Si infila nella lavatrice 

Miocardite scambiata per influenza, Chiara muore a 4 anni: pediatra accusato di omicidio colposo

Chiara Mirto è morta a 4 anni a causa di una miocardite acuta non diagnosticata. La bimba viveva a Macerata Campania, cittadina della provincia di Caserta, insieme ai genitori e alla sorellina quando la sua vita cessò a causa di una diagnosi sbagliata. Il pediatra 

A 3 anni muore dopo essere stato violentato, sorella di 10 mesi in ospedale

L’8 settembre a Santa Fe, in Argentina, un bambino di 3 anni è morto dopo essere stato brutalmente violentato, ha riportato il giornale Todo Noticias.

La sua sorellina di solo 10 mesi sta ancora lottando per la sua vita all’ospedale pediatrico di Santa Fe.

A questo mondo esistono delle crudeltà che sono quasi impossibili da comprendere.

Dire che questa storia rientri in quella categoria è dire poco, infatti è una delle storie più brutte mai sentite.

Le notizie dicono che i fratellini sono stati portati di corsa al Niños Orlando Alassia Hospital di Santa Fe lo scorso weekend.

Il direttore dell’ospedale, Oslvaldo Carillo, ha detto che le condizioni del bambino al suo arrivo erano davvero critiche. Aveva diverse fratture alla testa, al petto e alle costole. I medici sono riusciti a rianimarlo e spostarlo in terapia intensiva, ma purtroppo in seguito è peggiorato ed è morto nel sonno.

Fonti dicono che Carillo abbia detto ai suoi medici di non sentirsi in colpa per la morte del bambino, perché le sue condizioni erano troppo gravi.