Un papà malato di cancro muore 48 ore dopo aver tenuto tra le braccia la sua figlioletta appena nata

Un papà malato di cancro muore: Il cancro è una malattia veramente balorda; certo, la medicina negli ultimi decenni ha fatto passi da gigante, si guarisce con ottimi risultati sempre di più; eppure ci sono casi e storie in cui chi ne è affetto; non guarisce dopo anni e anni di strenua battaglia.

Il protagonista di questa storia commovente si chiama Jamie Hunter, ed è morto di cancro terminale 48 ore dopo la nascita della sua prima bambina. Una storia straziante che ha commosso il mondo intero.

Un papà malato di cancro muore 48 ore dopo aver tenuto tra le braccia la sua figlioletta appena nata

Jamie Hunter, manager e direttore del Sutton United FC, aveva 38 anni ed era malato da tempo; uno dei suoi ultimi desideri era quello di poter abbracciare la figlioletta Harper-May prima di lasciare questo mondo; e così è stato: la bimba è nata di lunedì ma lui è deceduto soltanto 48 ore dopo, di mercoledì.

Tutto è iniziato nel 2019, quando Jamie e sua moglie Beccy erano al settimo cielo dopo la straordinaria notizia che aspettavano una bambina; dopo poco tempo, Jamie ha iniziato a provare dei lancinanti dolori intercostali, che si è poi scoperto essere causati da un cancro ai reni

Dopo un lungo periodo di cure e medici, alla fine il responso degli specialisti non è stato confortante: il cancro di Jamie si era diffuso al fegato, ed era praticamente irrecuperabile. La triste parabola di Jamie Hunter ha commosso non solo i suoi colleghi del Sutton United FC, ma anche gli ex-allievi dell’uomo di 38 anni, precedentemente amatissimo insegnante di educazione fisica in una scuola di Sutton Coldfield, nel Regno Unito.

Ma almeno, il desiderio di Jamie si è tuttavia avverato: poche ore prima di abbandonare i suoi affetti, è riuscito a vedere e tenere tra le sue braccia per la prima ed ultima volta la sua bellissima Harper-May, la cosa più bella della sua vita.

Addio, caro Jamie!

FONTE

Hosting Wordpress

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*